In occasione delle celebrazioni per il Cinquantenario dell’alluvione di Firenze e della Toscana, la Regione Toscana ha promosso e coordinato una serie di azioni  volte ad allargare la base territoriale della partecipazione e la platea delle persone che entreranno in contatto con le varie iniziative della ricorrenza dell’Alluvione del ‘66.

La piattaforma di comunicazione digitale, le produzioni audiovisive, le mostre e le videoinstallazioni realizzate da Fondazione Sistema Toscana grazie al programma nazionale Sensi Contemporanei, vanno in questa direzione e rappresentano strumenti efficaci per coinvolgere la cittadinanza e la comunità internazionale.

Arno66 - Time Travel

Arno66 – TimeTravel

Uno dei principali interventi è quello realizzato alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, dove si terrà la mostra Arno 66. La macchina del tempo.

La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze è stata uno dei luoghi simbolo dell’alluvione del 1966. Migliaia di persone di tutto il mondo, i famosi Angeli del fango, giunsero a Firenze per recuperare manoscritti e libri rari e per metterli in sicurezza dai danni provocati dall’acqua. Negli archivi della Biblioteca Nazionale sono conservate circa 3.500 fotografie a documentare quanto fu realizzato in quei giorni. Per mancanza di risorse le fotografie non erano mai state né catalogate né digitalizzate. Partendo da tale necessità e dalla volontà di trasformare il materiale in patrimonio comune e fruibile, i partner di Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema, in accordo con la Biblioteca Nazionale Centrale e Fondazione Sistema Toscana, hanno realizzato la digitalizzazione e catalogazione delle fotografie, in parte provenienti dall’Archivio Foto Locchi.

Arno

Arno66 – TimeTravel

Per valorizzare il patrimonio recuperato e renderlo accessibile al pubblico, alla Biblioteca Nazionale sarà allestito un percorso di “realtà aumentata” da fruire attraverso tablet/smartphone e che consentirà di vedere le immagine immortalate nelle fotografie, nel punto esatto da dove sono state scattate. Utilizzando l’App “Arno66-TimeTravel” si potrà quindi esplorare la mappa di Firenze e “camminare in città” come nei  giorni del 1966.

I turisti e gli utenti potranno scaricare la app e viaggiare con tablet e smartphone alla mano. Un modo per scoprire com’era la Firenze del 1966 invasa dalle acque dell’Arno. Basterà consultare la mappa con i punti segnalati e sfogliare la gallery per fare un paragone con il presente.

Ci sarà inoltre un “Tour Virtuale della BNCF”, che permetterà, indossando un apposito caschetto, come in un videogioco, di rivivere i giorni dell’alluvione, scegliendo in quale luogo andare e in quale situazione “immergersi”.

 

 

La app Arno66 TimeTravel è un progetto di Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni, realizzato da Nanof e Acquario della Memoria, con filmati d’archivio concessi da Cineccittà Luce e Rai Teche. La app è disponibile per dispositivi Android e iOS.
Per scaricare ARNO66 TimeTravel per Android, clicca qui.
Per la app per dispositivi iOS, clicca qui.

La mostra ha un sito che ne descrive i contenuti: arno66ar.it

 

Orari:
La mostra sarà aperta dal 29 Ottobre al 25 Novembre. Vista la grande affluenza e il tutto esaurito registrato dai tour alla Biblioteca Nazionale, l’iniziativa è stata prolungata fino al 17 dicembre (solo il sabato).
La prenotazione alla mostra è obbligatoria al numero: 3346606716 (dal lunedì al venerdì dallle 10.00 alle 13.00)
o tramite mail al seguente indirizzo: bnc-fi.urp@beniculturali.it

Le visite si effettuano 2 volte al giorno, una alle ore 10.30 e l’altra alle ore 16.00
Il sabato l’orario previsto per la visita è alle ore 11.30
Si accettano visite di gruppo fino a un massimo di 25 persone (condizioni particolari di partecipazione saranno riservati alle scolaresche)

Post correlati