Obiettivo del progetto Toscana Firenze 2016 è promuovere per il 50esimo dell’alluvione del 1966 raccolta di materiali, attività di ricerca, progetti-intervento, iniziative imprenditoriali ed eventi che consentano di ricavare dall’esperienza dell’alluvione del ’66 concreti risultati per la prevenzione di futuri eventi calamitosi, migliori prassi per la protezione delle persone, dei beni culturali, economici e ambientali.

La realizzazione del sito, le attività di comunicazione web e sui social media e la promozione degli eventi fanno parte del progetto Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema.

Le aree del progetto


Comitato tecnico scientifico

Scopo dell’International Technical Scientific Committee (ITSC) è analizzare e valutare lo stato delle misure intraprese o pianificate per la riduzione della vulnerabilità della città di Firenze alle alluvioni.

APPROFONDISCI

Comitato di coordinamento

Il Comitato di Coordinamento si propone di coordinare le attività che gli aderenti, nella loro autonomia, riterranno di presentare nei prossimi anni in riferimento all’anniversario dell’alluvione.

APPROFONDISCI

Area Sistema Protezione civile

Il Sistema Nazionale della Protezione Civile, con tutte le sue componenti e strutture operative ai diversi livelli, statale, regionale e locale, è la risposta più efficace per fronteggiare le tante emergenze che colpiscono il Paese.

APPROFONDISCI

Area Società ed Internazionale

Operano in questa area le Istituzioni di governo della cittadinanza, quelle che attendono al vissuto civile e religioso, il Volontariato, la Scuola.

APPROFONDISCI

Area Acqua Infrastrutture Territorio Ambiente

L’acqua da rispettare, l’acqua come elemento cardine del corretto equilibrio tra ambiente e collettività umana.

APPROFONDISCI

Area Restauro

Il restauro è ricerca, know-how, ma anche organizzazione nella misura in cui la sua efficacia dipende da quanto si riesce a fare fin dall’inizio.

APPROFONDISCI

Area Documentazione

La tutela del patrimonio culturale passa attraverso la conoscenza dei beni da tutelare, la loro collocazione, il loro valore, le caratteristiche che possono rendere efficace l’intervento di salvaguardia in fase di catastrofe.

APPROFONDISCI

Area Education

I progetti di 2016 Progetto Firenze potranno essere tradotti in prassi istituzionali e comportamenti di persone e di addetti solo se saranno realizzate iniziative volte a creare le necessarie competenze.

APPROFONDISCI

Area Impresa

Il Progetto coinvolge tutte le Imprese del territorio che hanno subito gli effetti delle alluvioni o che hanno contributo ai percorsi di rinascita e ricostruzione, ma anche le grandi Aziende, a livello nazionale e internazionale.

APPROFONDISCI

Il Progetto, gestito dal Comitato di Coordinamento al quale aderiscono numerose istituzioni, enti ed organizzazioni, effettua le sue attività avvalendosi di un gruppo di lavoro dedicato.

Il Progetto è aperto alla collaborazione dei cittadini (vedi la pagina Contatti).

Gli obiettivi del Comitato di Coordinamento sono ambiziosi per durata, contenuti e complessità, per questo esso si è dotato di una struttura snella e articolata in Aree tematiche, tutte permeate da temi e attività connessi al Sistema della Protezione Civile e alla pianificazione. Le Aree tematiche condividono tra loro strumenti di gestione, ricerca fondi, accesso a finanziamenti regionali, nazionali, europei e internazionali, per far sì che ciascuna concorra e benefici dei risultati prodotti delle altre.
Cultura dell’ambiente e della protezione civile
Cultura del patrimonio artistico
Cultura della solidarietà
ma anche di dare vita a strutture, infrastruttrutture e  relazioni stabili nel tempo, in grado di auto sostenersi e di arricchire il territorio,  creando nuove opportunità culturali ed economiche.

Come si collabora con il progetto Toscana Firenze 2016:
Progetti del Comitato: sono realizzati attraverso la cooperazione dei soggetti che hanno aderito a Toscana Firenze 2016 e coordinati dalla struttura operativa del Comitato

Progetti specifici dei soggetti che hanno aderito a Toscana Firenze 2016: sono svolti senza la partecipazione diretta del Comitato ma con la individuazione di sinergie e con l’uso del logo.

Progetti di cittadini e di soggetti non aderenti che richiedono il logo del Comitato: sono valutati dal Comitato per il conferimento del logo e la individuazione di possibili sinergie.