Area Società ed Internazionale

Operano in questa area le Istituzioni di governo della cittadinanza, quelle che attendono al vissuto civile e religioso, il Volontariato, la Scuola.
A loro è richiesta la ricostruzione della memoria collettiva e del vissuto dei singoli, la comprensione delle dinamiche sociali alla base della resilienza delle comunità e della salvaguardia delle persone, l’analisi dei processi di comunicazione, a livello nazionale e internazionale, connessi al rischio e alle sostenibilità.

Referenti:
G. Giovannetti, Prorettore alle Relazioni Internazionali UNIFI – A. Bargellini, Comitato Organizzatore – G. De Micheli, Opera di Santa Croce – T. Muzi Falconi, Comitato Organizzatore –  L. Brogioni, L. Giudici, Archivio Storico Comune di Firenze

Attività:

  • Angeli del Fango
  • Raccolta memoria viva: cos’è, come partecipare clicca qui
  • Ricostruzione di storie orali e testimonianze documentali sull’alluvione di Firenze del 1966 e sulle trasformazioni del centro storico della città: una prima elaborazione sul tema e contributi dalle scuole secondarie fiorentine nel prossimo numero triplo 504-505-506 di Testimonianze (Lorenzo GIUDICI, borsa di ricerca presso Archivio Storico del Comune di Firenze)
  • Interviste a personaggi chiave (su Youtube, tra le altre: Senatore Pieraccini, Ministro del Bilancio del Governo Moro nel 1966, il primo ministro accorso a Firenze già nel pomeriggio del 4 novembre)
  • Volume “I Colori dell’alluvione”, ABEdizioni,  foto inedite a colori del 1966  con prefazione del sindaco Nardella e con testi e commenti del Comitato.
  • Cinema In ottobre-novembre 2016 nell’ambito del Festival dei Popoli una edizione dedicata ai film dedicati ai fiumi (es. Maldarno    https://www.youtube.com/watch?v=yG2SiyQmM9M, film di  Carbone con testi di Pratolini e voce di Albertazzi)
  • Teatro “Il filo dell’acqua, l’alluvione a Firenze 4 novembre 1966” di Francesco Niccolini, regia di Roberto Aldorasi e Francesco Niccolini, con Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, scene e video Antonio Panzuto, luci Marco Messeri, una produzione Arca Azzurra Teatro. Prima prevista a Pisa il 4 Novembre 2016 e tournée nei teatri comunali toscani con matinée riservate alle scuole.
  • Eventi Internazionali di Ringraziamento per quanti, a vario titolo, aiutarono Firenze Il primo sarà dedicato ai sessanta Paesi che supportarono la rinascita e vedrà il coinvolgimento delle diplomazie presenti nel nostro Paese (ambasciate e consolati). Il secondo sarà rivolto agli Angeli del Fango in tutto il mondo e alle università italiane e per stranieri, esempi assoluti di cittadinanza attiva e di solidarietà emulati in seguito in occasione di altri disastri naturali. Il terzo sarà intitolato ai Vigili del Fuoco, alle Forze Armate, alle Assistenze e al Volontariato, che tanto si adoperarono per aiutare la Toscana tutta. In fase di preparazione: visita di ringraziamento
  • Museo diffuso Il progetto ha un valore strutturale e duraturo, vuole realizzare un sistema di musei a  partire da strutture già presenti in varie località toscane che testimonino e sviluppino i temi della resilienza e sviluppo dei territori, della solidarietà, rispetto dell’ambiente, sensibilità al corretto utilizzo della risorsa acqua, corretto rapporto tra montagna e pianura, tra aree interne ed aree sviluppate. Il Comitato del progetto Toscana Firenze 2016 fornirà supporto per condividere soluzioni tecnologiche, reti di promozione, iniziative a tema, sviluppo di nuovi contenuti a beneficio delle comunità locali e degli ospiti che le visiteranno. Tra le attività pilota sono già previste visite guidate per le scuole presso il “Bosco degli Svizzeri” a Grezzano, i percorsi didattici del Museo Casa d’Erci nel Comune di Borgo San Lorenzo.