Una giornata speciale per gli alunni della scuola primaria “De Majo” a Pelago, vincitrice del concorso “Le alluvioni di oggi nei disegni dei bambini”, promosso dal Comitato Firenze2016.

I ragazzi della classe IV hanno partecipato al concorso con l’aiuto e il sostegno della loro insegnante Carla Innocenti, insieme ad altre scuole di tutta la Toscana e tra i circa 100 disegni che sono stati inviati, la scuola “De Majo” si è classificata al primo posto.

Oltre al premio in denaro, previsto dal bando, Poste Italiane ha adottato il disegno vincitore per il francobollo commemorativo dedicato agli Angeli del Fango ed emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico proprio il 4 novembre 2016, nel giorno del 50esimo anniversario dell’Alluvione di Firenze.

Un caso davvero speciale che sia stato scelto un disegno di bambini per un francobollo, come spiega Pietro La Bruna, Responsabile Filatelia di Poste Italiane: “L’abbiamo scelto perché  i bambini hanno la capacità di raccontare in maniera pulita un evento, che in questo caso non hanno vissuto, e lo hanno raccontato attraverso il ricordo dei genitori, delle persone anziane, dei nonni, in un modo semplice, bello e creativo”.
Per l’occasione Poste Italiane ha dedicato un annullo filatelico speciale, emesso proprio durante la celebrazione della scuola a Pelago.

Annullo filatelico speciale a Pelago

Paese questo anche dell’insegnante Idana Pescioli, scomparsa nel luglio del 2016, ma che nel 1966 raccolse in un libro, “Com’era l’acqua. I bambini di Firenze raccontano”, i disegni e i pensieri dei ragazzi che vissero sulla propria pelle l’Alluvione, testimoni diretti delle vicende catastrofiche di quel 4 novembre 1966 nelle città di Firenze, Pontassieve, Figline e Incisa Valdarno e Bagno a Ripoli.

È proprio a questo libro che il Comitato Firenze2016 si è ispirato per il concorso rivolto alle scuole, fa presente Giorgio Federici, segretario del Comitato Firenze2016, al fine di chiamare i bambini ad esprimersi, raccontare e conoscere il passato da cui possano ricavare uno slancio verso il futuro.

Premiazione scuola di Pelago

Post correlati