Tra gli eventi in programma c’è la mostra inaugurata lo scorso 3 novembre “Casa in piena”, un’esposizione foto/videografica teatralizzata, a cura degli allievi dei laboratori artistici de “I pensieri di Bo” che rimarrà aperta fino a domenica 6 novembre. La mostra, s’inserisce nel cartellone “D’Acqua e Fango” che l’Associazione Nazionale Case della Memoria (di cui il museo Casa Carducci fa parte) promuove nelle case socie in occasione del 50º anniversario dell’alluvione. Sarà aperta venerdì 4 al mattino solo per gli studenti delle Scuole Medie, per tutti dalle 16.30 alle 18.30; sabato 5 solo al mattino per gli studenti delle Scuole Medie; domenica 6 dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 18.30.

Dal 4 novembre si apre poi – nella sala consiliare del Palazzo comunale – la mostra fotografico-documentaria itinerante  “L’alluvione in provincia di Pisa”,  a cura della rete archivistica Bibliolandia, composta di 15 pannelli sui cui verranno esposti documenti provenienti dagli archivi storici dei Comuni della Provincia di Pisa. Nella stessa occasione si terrà anche la presentazione del libro “Il fragore della memoria”. Alle 21.15, al teatro comunale, ecco invece lo spettacolo teatrale “Argine in rima”, con il poeta estemporaneo Emilio Meliani e gli allievi ed attori della Compagnia teatrale “I pensieri di Bo’”. Il testo e la regia sono stati realizzati dal direttore artistico Franco Di Corcia jr.

Gli spettacoli sul tema dell’alluvione continuano sabato 6 novembre (ore 16.30), con “Se fossi acqua”, ideato ancora da Franco Di Corcia jr, che si terrà sull’argine del fiume Arno, in località Colombaie, proprio nel punto in cui si verificò l’esondazione. In scena gli allievi de “I pensieri di Bo’”, con il contributo della scuola “Espressioni danza” di Marica Torricelli, la Compagnia teatrale “L’anello” di Cascina e la Compagnia teatrale “Dida’sko” di Castelfranco di Sotto. Le iniziative si concludono infine domenica 6 novembre (ore 16.30) nella parrocchia dei Santi Giuseppe e Anna di San Donato, con una Santa Messa di commemorazione presieduta dal vescovo di San Miniato, Monsignor Andrea Migliavacca.

LE OPERE