il Comitato Progetto Firenze e l’Opera di Santa Croce hanno ritenuto opportuno allestire, in collaborazione con il CIFT (Centro Italiano per la filatelia tematica) questa mostra, collocata proprio in uno dei luoghi simbolo dell’alluvione del 1966.
Sono presenti 4 collezioni coerenti con il tema dell’alluvione:
1) Il Tempio di Santa Croce in Firenze: La collezione di Franco Fanci illustra uno dei luoghi più colpiti dall’alluvione del 1966. All’interno della basilica molti affreschi trecenteschi furono lavati via e scialbati. In particolare viene ricordato il crocifisso di Cimabue che subì danni, in buona parte irrecuperabili
2) Il fiume Arno e le alluvioni: l’autore Fabrizio Fabrini ha raccontato, utilizzando francobolli, foglietti e materiale filatelico, il corso e la storia di questo fiume dalla duplice identità: fonte di ricchezza ed allo stesso tempo imprevedibile e pericoloso. Questa collezione è stata realizzata per contribuire a diffondere la conoscenza di ciò che avvenne nel Novembre del 1966 e accrescere la sensibilità sul tema della prevenzione ambientale e della protezione civile, in modo da poter affrontare il futuro con crescente consapevolezza.
3) Progetto Sostenibilità: si tratta di una raccolta di minicollezioni di francobolli che raccontano i temi ambientali, sociali ed economici che contraddistinguono i vincoli di sostenibilità per l’umanità. Le serie presentate parlano del clima, della scarsità delle risorse, delle fonti energetiche rinnovabili, della protezione della natura, dello spreco alimentare ed hanno tutte lo straordinario fascino della storia raccontata per immagini e a pezzetti. Questo progetto collettivo, curato dal CIFT, è stato esposto anche all’EXPO 2015 di Milano, dove sono stati apprezzati gli argomenti trattati e l’impatto immediato e fortemente educativo dei francobolli e documenti postali presentati.
4) I terremoti: l’autore Marco Occhipinti descrive, attraverso materiale filatelico, perché avvengono i terremoti, da cosa sono provocati e cosa possiamo fare per contrastarli.La collezione non ambisce ad essere un trattato scientifico, ma si pone l’obiettivo di illustrare i passati terremoti e come questi abbiano influenzato le popolazioni e il mezzo con cui esse comunicano, la posta.

Emanuele Plata, presidente del PLEF (Planet Life Economy Foundation) ha affermato che in tutte le collezioni emerge l’evidenza del potere divulgativo e sublimale che il francobollo può esercitare con in più la possibilità di capire quali segni simbolici diversi paese, su un determinato argomento, hanno saputo e voluto usare per affrontare un tema: spaventare, gratificare, commemorare, incuriosire.