Allagamenti e importanti danni a colture e allevamenti: l’alluvione di Firenze del 1966 colpì anche la zona di Ponte Buggianese. Qui, nei giorni successivi alla furia della calamità naturale che si abbatté sul capoluogo toscano,  gli argini del fiume d’argento ruppero a nord, versando nel Padule di Fucecchio. Acqua su acqua che si riversò a macchia d’olio nel territorio circostante, inondando le località di Anchione, Vione, Fattoria e Casabianca. Nelle zone abitate i cittadini abbandonarono le loro abitazioni, alcune di queste subirono danni permanenti. Gravi ripercussioni – infine – per le aziende agricole: la furia di acqua e fango distrusse campi e raccolti, provocando serie conseguenze per l’economia locale.