I festival cinematografici, il cinema di qualità e le produzioni audiovisive  conosceranno in Toscana un forte sviluppo grazie ad un nuovo piano di investimenti pubblici in arrivo nella regione. Il progetto si chiama Sensi Contemporanei e arriva per la prima volta in Toscana grazie ad un Accordo di Programma Quadro siglato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale, Direzione Generale Cinema del Mibact e la Regione.

Grazie a Sensi Contemporanei si promuoverà la cultura, si creeranno opportunità di crescita e nuova occupazione, e saranno sperimentate nuove forme di sviluppo territoriale.

Sei le linee di intervento individuate: ampliare la rete regionale dei servizi, formare nuovi pubblici, potenziare le strutture che promuovono il cinema di qualità, sperimentare nuove forme d’impresa e contribuire alla crescita dei processi d’integrazione, conoscenza e sostenibilità.

I prodotti audiovisivi realizzati grazie a Sensi Contemporanei e altri interventi di comunicazione digitale riguarderanno la salvaguardia e la trasmissione di una tragica pagina della storia toscana, quella dell’alluvione del 1966.

Tra le iniziative più rilevanti sull’alluvione, ricordiamo quella a partire dal 4 novembre. Verrà situata infatti una installazione di videomapping sul Ponte Vecchio. Previste anche altre due video installazioni alla Galleria delle Carrozze (sul percorso dell’Arno) e in Sala D’Arme (la rievocazione per immagini), la digitalizzazione dell’archivio fotografico della Biblioteca Nazionale e il progetto di un videogame sul dissesto idrogeologico.

Post correlati