Ogni celebrazione è utile a non dimenticare. Una memoria che però, da sola, non è sufficiente a evitare altri drammatici eventi. L’alluvione che colpì la Toscana, in particolar modo Firenze, nel novembre del 1966 è ancora viva nel ricordi dei tanti testimoni. Storie, le loro, che sono riemerse soprattutto il occasione del cinquantesimo anniversario. Ma ora che di anni ne sono trascorsi 52, Firenze non ha dimenticato.

Per l’occasione, quindi, torna in città il Cardinale Ennio Antonelli, Arcivescovo Emerito di Firenze. Lo fa per per presiedere, su invito del Comune di Firenze e dell’Associazione Firenze Promuove, le celebrazioni ufficiali per l’anniversario dell’alluvione.

Le celebrazioni ufficiali avranno inizio sabato 3 novembre (dalle 10 alle 18) nella Sala d’Armi di Palazzo Vecchio, in Piazza della Signoria, con la proiezione no stop di “Eroi Dimenticati – L’Alluvione del 1966”, nuovo documentario con testimonianze inedite di atti di coraggio e salvataggio durante l’alluvione, realizzato dalla Polizia Municipale di Firenze in collaborazione con l’Associazione Firenze Promuove e l’etichetta discografica Materiali Sonori. L’ingresso è gratuito.

Domenica 4 novembre, giorno della ricorrenza, in Piazza Santa Croce (facciata della sede del Quartiere 1, a partire dalle 7), deposizione di una corona d’alloro del Comune di Firenze alla lapide comunale che ricorda tutte le vittime dell’alluvione. Alle 8, al cimitero di San Felice a Ema (Galluzzo), presso la tomba di Carlo Maggiorelli sarà collocato un omaggio floreale del sindaco di Firenze, Dario Nardella, a l’operaio dell’acquedotto comunale che la mattina del 4 novembre 1966 morì per non aver lasciato il suo posto di lavoro mentre l’acqua saliva. Alle 12.30, nell’Oratorio Santa Maria delle Grazie in Lungarno Diaz 6, è in programma la messa presieduta dal Cardinale Ennio Antonelli.

Sempre domenica, ma alle 13.15, al civico 4 del Lungarno Diaz (centro del Ponte alle Grazie) corteo e benedizione del fiume Arno da parte del Cardinale Antonelli. Seguiranno gli interventi commemorativi e il lancio in fiume della corona d’alloro del Comune in ricordo delle vittime da parte del Presidente del Consiglio Comunale Andrea Ceccarelli e del Presidente di Firenze Promuove, Franco Mariani. Alle 15.30, in via Carlo Maggiorelli (Nave a Rovezzano, vicino alla chiesa) ci sarà l’inaugurazione della nuova targa toponomastica della strada dedicata a Carlo Maggiorelli.

Info
firenzepromuove.it

Post correlati